Norma ISO/IEC 17065

0
17

“Valutazione della conformità – Requisiti per organismi che certificano prodotti, processi e servizi”

Gli organismi di accreditamento sono membri firmatari dell’IAF MLA (International Accreditation Forum Multilateral Agreement – L’accordo multilaterale di riconoscimento del forum internazionale di accreditamento consiste in un accordo tra gli organismi di accreditamento per il riconoscimento reciproco degli accreditamenti. Essi devono avere i loro organismi di certificazione dei prodotti, accreditati secondo l’attuale norma ISO/IEC 17065 (ex ISO Guide 65 diffusa in Europa come EN 45011).

Gli schemi di certificazione sono i documenti guida per tutte le certificazioni, senza di essi non vi sono informazioni sui criteri a cui il prodotto, il processo o il servizio certificati sono conformi. Gli schemi di certificazione in genere includono requisiti aggiuntivi oltre a quelli indicati nella norma ISO / IEC 17065 che potrebbero includere:

  • registrazione / certificazione del sistema di gestione a livello di produttore
  • audit periodici della linea di produzione
  • accreditamento o altro riconoscimento dell’organismo di collaudo / ispezione / audit
  • specifiche su come dimostrare che un prodotto, processo o servizio è certificato da un ente accreditato.

Vediamo in dettaglio i contenuti della norma ISO / IEC 17065.

Introduzione

Le prime tre sezioni della norma ISO / IEC 17065 sono di natura informativa e includono riferimenti ad altri standard internazionali. Questo capitolo è stato implementato rispetto alla norma EN 45011 per l’allineamento con la famiglia di norme ISO / IEC 17000, insieme ai principi contenuti nell’Appendice A.
E’ importante comprendere il significato e lo spirito della norma, partendo dalle aspettative che le varie parti interessate hanno rispetto alla certificazione del prodotto.
Chi sono le parti interessate? Sono:

  • i clienti dell’organismo di certificazione;
  • i clienti delle organizzazioni i cui prodotti, processi, servizi sono stati certificati;
  • le autorità;
  • le organizzazioni non governative;
  • i consumatori.

Viene specificato che “.. il valore della certificazione è il grado di fiducia e credito che viene stabilito attraverso una dimostrazione imparziale e competente, effettuata da una terza parte, del rispetto dei requisiti specificati ..” e che “.. la certificazione di prodotti, processi o servizi è un mezzo per garantire che soddisfino i requisiti specificati nelle norme e in altri documenti normativi..”

La norma “… specifica i requisiti la cui osservanza è volta a garantire che gli organismi di certificazione attuino gli schemi di certificazione in modo competente, coerente e imparziale” e chiarisce che tale norma non stabilisce i requisiti per gli schemi di certificazione dei prodotti, né come questi dovrebbero essere sviluppati.

Requisiti generali

La sezione quattro della ISO / IEC 17065 tratta le attività e la configurazione dell’organismo di certificazione a livello generale. Questa sezione include i requisiti per:

  • statura legale
  • presenza di un “Accordo di certificazione” con i clienti dell’organismo di certificazione
  • contenuti essenziali del contratto
  • utilizzo di marchi e licenze
  • supporto finanziario e copertura di responsabilità
  • pratiche di non discriminazione

Imparzialità

Un paragrafo è dedicato alla gestione dell’imparzialità (4.2). Oltre a richiedere che tutte le attività siano gestite in modo imparziale, è necessario redigere un documento di analisi dei rischi in cui l’organismo di certificazione deve analizzare in dettaglio tutte le possibili minacce alla sua imparzialità, sia interne che esterne e definire le misure adottate per contrastare qualsiasi situazione avversa all’imparzialità.

Sono altresì definite le attività che non possono essere svolte dall’organismo di certificazione (ad es. progettazione, fabbricazione, manutenzione, consulenza, ecc. degli stessi tipi di prodotti certificati).

La salvaguardia del meccanismo di imparzialità che deve considerare:

  • la definizione di politica e principi per la salvaguardia dell’imparzialità;
  • qualsiasi aspetto commerciale o altro che possa minacciare l’imparzialità dell’organismo di certificazione;
  • la possibilità di adottare un comitato (analogamente a quanto richiesto dalla norma ISO / IEC 17021).

Risorse

La sezione sei dello Standard inizia a contabilizzare le risorse umane coinvolte nel processo di certificazione: stabilisce requisiti per le competenze del personale, la formazione e il monitoraggio e la conformità alle regole e alle procedure dell’organismo di certificazione. Inoltre, la norma discute i requisiti che devono essere soddisfatti per le risorse interne dell’organismo di certificazione per garantire la conformità a tutte le regole e procedure in essere presso l’organismo di certificazione, nonché alle risorse esterne (come subappaltatori) che forniscono servizi di valutazione al certificatore.

Processo di certificazione

La settima sezione della norma copre i requisiti che l’organismo di certificazione deve seguire durante l’esecuzione delle varie fasi del processo di certificazione. Ciò include la ricezione e la revisione della domanda di certificazione del cliente, garantendo che il prodotto, il processo o il servizio siano adeguatamente valutati. In questa sezione sono incluse anche le informazioni richieste sui documenti forniti al cliente per indicare che il loro prodotto, processo o servizio, è stato certificato.

Questa sezione discute anche le situazioni in cui sono necessarie attività di sorveglianza e l’inclusione delle responsabilità dell’organismo di certificazione quando si tratta di garantire che prodotti, processi o servizi certificati continuino a soddisfare i requisiti del sistema. Modificando lo schema, l’organismo di certificazione può sospendere o revocare la certificazione.

Sistemi di gestione

La sezione otto della norma ISO / IEC 17065 copre i requisiti per un sistema di gestione che deve essere installato all’interno dell’organismo di certificazione. Molti dei requisiti sono simili a quelli della norma ISO 9001. L’organismo di certificazione deve disporre di una raccolta di documenti relativi al sistema di gestione, documenti controllati, registri e deve eseguire revisioni della gestione e audit interni secondo procedure e programmi definiti. Inoltre, l’organismo di certificazione è tenuto ad affrontare le azioni correttive e preventive.

Articolo originariamente pubblicato in inglese. Tradotto da un traduttore certificato.

PAMELA MATTIOLI
Strategic consultant & Founding partner
Coprai Group Srl

Lascia un commento