La qualità dell'aria negli spazi chiusi

La qualità dell’aria negli spazi chiusi

Un importante fattore da considerare per la nostra salute è la qualità dell’aria negli spazi chiusi che quotidianamente viviamo. In base a statistiche le persone trascorrono il 90% del tempo in spazi chiusi al riparo dalle fonti di inquinamento atmosferiche ma non necessariamente dalle fonti di inquinamento dell’aria negli spazi chiusi.

Gli spazi chiusi possono essere dalle 2 alle 5 volte più inquinati di quelli esterni.

Fonte: US Environmental Protection Agency, 1987. Studio di valutazione totale dell’esposizione (TEAM): Riepilogo e analisi EPA / 600.

qualità aria spazi chiusi

Qualità dell’aria e agenti inquinanti VOC

Sono tante le fonti di inquinamento negli spazi chiusi e possono dipendere da una cattiva gestione della ventilazione e aerazione, ma anche da tutti i materiali da costruzione e arredi presenti nei nostri ambienti. Le microparticelle presenti in essi possono rilasciare nell’aria centinaia di sostanze chimiche definite Composti Organici Volatili (VOC). I VOC sono composti chimici organici facilmente volatilizzabili in condizioni atmosferiche di temperatura e pressione normali per un ambiente interno.

Conseguenze per la nostra salute

I materiali da costruzione e gli arredi interni possono avere emissioni di VOC rimasti dal processo di produzione facilmente disperdibili nell’ambiente. Ci sono sintomi quali mal di testa, irritazione agli occhi, alle vie respiratori, affaticamento cronico che possono essere associati e collegati alla prolungata esposizione della persona ad agenti inquinanti quali VOC. Si parla di Sick Building Sindrome quando questi sintomi sono condivisi da una pluralità di persone che vivono lo stesso spazio.

Oltre l’80% dei costruttori del settore edile tendono a specificare prodotti che migliorano la qualità dell’aria negli ambienti chiusi – Fonte: “Dodge Construction Green Outlook 2013”. Proprio questi fattori sono risultati essere tra le priorità in ambito di edilizia sostenibile, e la qualità dell’aria negli spazi chiusi è citata come il più importante aspetto, con il 55% degli studi di architettura, ingegneria e costruzioni a livello globale che considerano l’impatto sulla salute degli occupanti come un fattore chiave nella scelta dei prodotti. Fonte: “McGraw Hill 2012 World Green Building Trends

Sostenibilità e sistema di certificazione LEED

La crescente attenzione sull’efficienza energetica e sulla sostenibilità hanno reso la nuova normalità gli standard volontari per l’edilizia sostenibile come il programma LEED del U.S. Green Building Council (USGBC). Il recente rilascio di LEED v4.1, che si applica anche a porte e serramenti, è la dimostrazione di come il sistema di certificazione LEED si evolve per rispondere alle esigenze dei progetti internazionali e creare soluzioni di impatto su scala mondiale.

certificazione greenguard sostenibilità

I prodotti che hanno ottenuto la certificazione GREENGUARD, per esempio, dimostrano di soddisfare i più rigorosi standard internazionali di certificazione prodotto per emissioni chimiche, contribuendo a ridurre l’inquinamento dell’aria e il rischio di esposizione chimica. Sul portale SPOT è possibile trovare oltre 100.000 famiglie di prodotti sostenibili con certificazioni emesse da enti certificatori indipendenti quali UL.

Approfondisci il tema della Sostenibilità con un articolo sulle asserzioni ambientali di prodotto e il rischio di Greenwashing.


UL environment edilizia sostenibile

Elena Veneziani
Business Development Manager

Retail & Industry
UL International Italia S.r.l

Lascia un commento